Otto aneddoti incredibili sulla vita di Mike Tyson

Otto aneddoti incredibili sulla vita di Mike Tyson

Tigre bianca

Iron Mike ha sempre amato i grandi felini, e così, uscito di prigione, acquistò cuccoli sia di tigre che di leone. Questi ultimi dovette cederli perchè troppo pericolosi (uno lo ferì con un morso), mentre legò in particolare con una tigre bianca, Kenya: “Mi seguiva dappertutto” spiega Mike, “e dormiva persino nel letto con me. Gli esperti di animali selvaggi non potevano credere alla relazione che avevo instaurato con lei. [..] Vagava per casa cercandomi e piangendo come un bambino; se la chiudevo nel suo rifugio, passava il tempo a lamentarsi. Certe sere d’estate, quando era in calore, faceva casino finchè non scendevo a massaggiarle la pancia”.

Ma gli incidenti non mancavano, soprattutto quando Tyson viaggiava portando con sè Kenya su un camion a diciotto ruote: “Per l’incontro con Bruno avevo portato Kenya con me. [..] Quando c’era in giro Kenya, Monica e le bambine non potevano avvicinarsi a me: era pronta ad attaccarle al minimo gesto affettuoso nei miei confronti. Durante il match l’avevo lasciata in albergo e quando tornai la suite era completamente distrutta. [..] Una volta eravamo in Ohio e Rory la chiuse in garage. Quando più tardi andò a riprenderla, lei aveva letteralmente strappato via il tettuccio a una delle mie Maserati”.

Il loro rapporto però non ebbe un lieto fine, come racconta lo stesso Mike: “Ero stato costretto a sbarazzarmi di Kenya. La stavamo tenendo in Texas e l’addestratore la mostrava ad alcuni appassionati che presumibilmente lavoravano con animali del genere. Non so cosa sia successo, ma mi dissero che una delle signore scavalcò il recinto per toccarla e lei fece delle cose orribili. Dopo che hanno assaggiato il sangue, le tigri non sono più come prima, quindi dovetti darla via. La donammo a uno zoo in California”.

Iron Mike a spasso con Kenya (Credits: Pinterest.com).

0 thoughts on “Otto aneddoti incredibili sulla vita di Mike Tyson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*