MMA Next Generation: pesi leggeri

MMA Next Generation: pesi leggeri

Continuiamo con la rubrica MMA Next Generation, senza la presunzione di stilare una classifica, ma solo con l’intenzione di dare un’occhiata alla futura generazione di fighter italiani, quelli che potrebbero essere i next big thing, come tanto piace dire agli anglofoni.

Disclaimer doveroso, prima di iniziare. Per redarre questa lista, abbiamo preso in considerazione solo atleti con all’attivo massimo sette match da professionisti e con massimo 27 anni di età.

Alberto Ciardo

Età: 22

Record: 5 vittorie, 0 sconfitte

Peso: 155 libbre

Alberto Ciardo
Immagine di Italian Cage Fighting/Fabio Barbieri via Facebook

Che il Gloria Fight Center sia una fucina di talenti, è ormai sotto gli occhi di tutti.  Dopo Dylan Hazan e Giuseppe Ruggeri è il turno di Alberto Ciardo, ventiduenne in forze al team romano.  Attivissimo, ha disputato i suoi cinque incontri professionistici in soli 10 mesi, dal novembre 2018 al settembre 2019, portando a casa altrettante vittorie. Non ha mai avuto bisogno dell’intervento dei giudici nella sua carriera da professionista, chiudendo tutti i suoi impegni entro il secondo round. Ci si aspetta a breve un match di caratura internazionale, dopo aver dimostrato di poter competere agilmente anche contro i veterani di questo sport.

Gianluca Rocca

Età: 25

Record: 6 vittorie, 0 sconfitte

Peso: 155 libbre

Gianluca Rocca
Immagine di Gianluca Rocca via Facebook

Sembra destinato ad un brillante futuro il venticinquenne Gianluca Rocca, che può vantare una carriera da fighter professionista ancora senza macchia. Dando un’occhiata al suo record e ai meri numeri, si può osservare che ha sempre affrontato avversari al suo livello, se non addirittura più esperti, indice di un record non costruito, ma che mette in mostra tutto il potenziale di questo giovane atleta. Dopo aver girato alcune fra le più conosciute promotion italiane (leggasi Venator Fighting Championship, Italian Cage Fighting e Power Nation Fighting Championship), si spera di vedere a breve il fighter romagnolo poter combattere oltralpe.

Matteo Caretti

Età: 26

Record: 5 vittorie, 0 sconfitte

Peso: 155 libbre

Matteo Caretti
Immagine di Italian Cage Fighting/Fabio Barbieri via Facebook

Partenza di carriera anomala per “The Weapon” che dopo un esordio positivo da professionista nel 2014, ha preso una pausa dalle competizioni di mixed martial arts fino al 2018. Da allora ha collezionato altre quattro vittorie, portando il suo score ad un immacolato 5-0. L’alfiere del Cardano Top Team, alla soglia dei 27 anni, dopo un altro paio di scalpi a livello nazionale, ha tutte le carte in regola per togliersi più di uno sfizio al di là dei confini nazionali.

Oleg Ursoi

Età: 23

Record: 5 vittorie, 0 sconfitte

Peso: 155 libbre

Oleg Ursoi
Immagine di Shou Dao School via Facebook

Ucraino di nascita, ma toscano di adozione, il giovanissimo fighter in forza alla Shou Dao School ha anche lui, come i suoi colleghi presenti in questo episodio di MMA Next Generation, un record perfetto senza alcuna sconfitta. Dopo un inizio di carriera al limite delle 170 libbre, Ursoi ha deciso di scendere nella categoria dei pesi leggeri. La convincente vittoria per ground & pound su un avversario più esperto come Seck Ndiobo ha probabilmente confermato la sua permanenza in questa divisione. Data la sua giovane età, ci si aspetta per lui ancora qualche match  nel Belpaese, possibilmente alzando ancora un po’ l’asticella della difficoltà, in termini di avversari affrontati.

Nicolò Solli

Età: 22

Record: 3 vittorie, 0 sconfitte

Peso: 155 libbre

Nicolò Solli
Immagine di Nicolò Solli/Bellator Italia via Facebook

Il più giovane di questa lista. Il meno esperto, se ci atteniamo al solo record. Nonostante questo il più affermato dei cinque fighter qui elencati. Nicolò Solli, a soli ventidue anni, vanta già una vittoria nella promotion più importante d’Italia, Venator Fighting Championship, e ben due vittorie in una delle organizzazioni più importanti al mondo, Bellator. “The Monkey King” si allena a Dublino sotto la guida di John Kavanagh, presso la celeberrima Straight Blast Gym, resa famosa dall’ex campione UFC dei pesi piuma e dei pesi leggeri, Conor McGregor. Il suo istinto da killer gli ha permesso di chiudere tutte le sue contese senza mai superare il secondo round, riuscendo a chiudere gli incontri in più di una modalità, spaziando dalle sottomissioni, al ground & pound.  Sicuramente una delle stelle più brillanti nel panorama italiano.

Rimanete sintonizzati su queste pagine per un nuovo episodio di MMA Next Generation.

Seguite Fatti Marziali su FacebookTwitter e Instagram per rimanere sempre aggiornati sul mondo delle MMA italiane ed internazionali.

Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*