UFC, ufficiale il ritiro di Khabib: che sfida per la sua cintura!

UFC, ufficiale il ritiro di Khabib: che sfida per la sua cintura!

Khabib Nurmagomedov ha reso ufficiale il suo ritiro dalle competizioni lasciando vacante la cintura di campione del mondo UFC dei pesi leggeri.

Il daghestano attraverso un post sui social ha reso ufficiale quello che ormai tutti si immaginavano, ovvero il suo ritiro dalle competizioni.

Smentite dunque tutte le voci che prevedevano il ritorno del campione daghestano per improbabili sfide.

Queste le parole di Khabib:

“E’ stata una bella avventura con delle persone fantastiche. Dana White, grazie fratello e grazie all’intero team UFC per avermi dato l’opportunità di mettermi alla prova. voi ragazzi avete cambiato la vita di molti grazie a questo sport.

Dana – Non dimenticherò mai il tuo atteggiamento nei miei confronti, mio padre non l’ha dimenticato e i miei figli si ricorderanno di te. Oggi c’è stata una vera conversazione tra uomini veri. Grazie anche a tutta la squadra, agli sparring partner e a tutti i fan. Spero che accettiate la mia decisione e che mi capirete”.

Nel frattempo il Brett Okamoto, giornalista di ESPN, ha rivelato che a UFC 262 verrà assegnata la cintura di campione del mondo dei pesi massimi leggeri lasciata vacante in seguito al ritiro di Khabib.

Ad affrontarsi per succedere al daghestano sul trono della divisione ci saranno Michael Chandler e Charles Oliveira. Avremo modo di analizzare meglio la situazione, ma il ritiro ufficiale di Khabib apre molti possibili scenari in una divisione tra le più competitive dell’intero roster UFC.

Seguite Fatti Marziali su FacebookTwitter e Instagram per rimanere sempre aggiornati sulle MMA made in Italy e non solo.

Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*