Kevin Holland critico: “Ecco cosa farò per tornare a vincere”

Kevin Holland critico: “Ecco cosa farò per tornare a vincere”

Non vuole fermarsi Kevin Holland, che dopo esser stato dominato per cinque round da Derek Brunson, trova un modo per ritornare alla vittoria.

Termina la corsa verso la vetta del ranking per l’irruento fighter americano Kevin Holland, che nella notte di UFC Vegas 22 viene annichilito dal wrestling asfissiante di Derek Brunson. Holland (21-6-0) ci regala una prestazione sottotono, entrando nell’ottagono abbastanza svogliato e privo di energie, elementi che giustificheranno l’unanimità dei cartellini dei giudici.

Non si lascia però avvilire “The Trailblazer”, che tramite un tweet di Brett Okamoto dichiara di aver trovato un modo per rimettersi subito in carreggiata.

“Holland dice che vorrebbe consultare un nutrizionista e provare le 170 lbs, il che è piuttosto interessante”

Il fighter americano sembra quindi voglia provare l’esperienza nei Welter, il che non sarebbe del tutto sbagliato, in quanto al weigh-in ha fatto registrare un peso pari a 183 libbre, due libbre sotto il limite imposto alla categoria dei pesi medi e tre libbre sopra la soglia dei welter.

Nonostante tutto, il problema sembra assolutamente essere un altro, ed è anche abbastanza chiaro: la scarsa difesa dai takedown e dal wrestling. La domanda che sorge abbastanza spontanea è solo una: cosa potrebbe fare nella categoria dei welter attualmente dominata da fighter come Usman, Covington o Masvidal che prediligono l’uso della lotta?

La carenza nella disciplina è cristallina, e quasi inammissibile per un fighter che durante il suo percorso ha più volte dichiarato di voler puntare al top. In merito al discorso, ha avuto da ridire anche il suo sfidante, che sempre in un tweet di Brett Okamoto è sembrato molto sprezzante e stizzito.

Queste le parole di Brunson:

“Parli troppo, ma non fai abbastanza per rialzarti. Non voglio parlare con lui”.

Scendere di categoria sarebbe sicuramente un valido metodo per tornare alla vittoria, ma non per puntare al top. Sarebbe ancor più appropriato che Holland trovasse una sua dimensione nella categoria, nella quale ha ancora qualche conto in sospeso, soprattutto col nostro connazionale Alessio Di Chirico.

Seguite Fatti Marziali su FacebookTwitter e Instagram per rimanere sempre aggiornati sulle MMA made in Italy e non solo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*