Intervista a Regian Eersel: dal Suriname alla cintura mondiale in ONE

Intervista a Regian Eersel: dal Suriname alla cintura mondiale in ONE

Intervista esclusiva a Regian Eersel, kickboxer campione dei pesi leggeri in ONE Championship.

Regian “The Immortal” Eersel (54-4) è reduce dalla sua seconda difesa titolata contro l’italo-marocchino Mustapha Haida nel main event di “ONE: Fists of Fury III”.

Il kickboxer di origine surinamese ha conquistato la cintura di ONE Championship il 17 maggio 2019, con la vittoria per decisione unanime su Nieky Holzken, per poi difenderla il 26 ottobre 2019 proprio contro la superstar olandese. Prima di approdare nella promotion asiatica, “The Immortal” si è laureato campione della categoria super middleweight dell’importante organizzazione statunitense Lion Fight.

Durante la tua carriera hai combattuto contro grandi campioni. Cosa ti ha sorpreso di Haida durante il vostro ultimo incontro? Che tipologia di match hai preparato?

Quello che mi ha sorpreso di lui sono le cose che non ha fatto. Pensavo potesse sferrare ginocchiate volanti e calci girati, ed ero preparato e concentrato per questa evenienza. Non facendo nulla di tutto ciò sono rimasto spiazzato. Per questo match mi sono preparato normalmente, l’unica cosa a cui ho dovuto rinunciare, per via del lockdown e le restrizioni nei Paesi Bassi, è stato l’allenamento in gruppo.

Quale avversario ti aspetti di affrontare per la prossima difesa titolata?

A dire la verità non ne ho idea. Vedremo, al momento non ho nessuno in mente.

Oltre al tuo grande talento, in Suriname c’è anche quello del fighter UFC Rozenstruik. Qual è il segreto grazie a cui questo Paese sta sfornando atleti così vincenti negli sport da combattimento?

Sì è vero. Penso che il motivo sia riconducibile alla storia travagliata del mio Paese, dove tutti combattono ogni giorno per andare avanti. Per questo penso che molti di noi siano degli ottimi fighter.

Hai mai pensato, avendo tu uno striking così potente e preciso, un eventuale passaggio alle MMA?

Sì ci penso, mi piacerebbe, ma al momento è difficile per via del Covid-19 e delle restrizioni che sono state messe in atto.

Nella tua classe di peso hai un importante vantaggio fisico dato dalle leve lunghe, che sfrutti pienamente. Quale reputi sia il tuo punto di maggiore forza e dove credi di poter migliorare?

Penso che il mio punto di forza sia proprio la pressione che esercito sui miei avversari, costante. Penso invece che io debba migliorare le mie abilità nel pugilato.

Cosa pensi che abbia il Dutch style in più rispetto agli altri? Come hai adattato quest’ultimo alle tue caratteristiche fisiche e al tuo modo di combattere?

Non penso che il Dutch style sia migliore. É solo differente in vari aspetti. Adatto quest’ultimo al mio modo di combattere solo grazie ai miei allenatori, che mi hanno fatto migliorare tantissimo. Descriverei il mio stile come Unorthodox, ovvero poco ortodosso, qualcosa di diverso dal solito.

Immagine di copertina: ONE Championship

Seguite Fatti Marziali su FacebookTwitter e Instagram per rimanere sempre aggiornati sulle MMA made in Italy e non solo.

 

Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*