Michelangelo Colangelo dopo Venator 6: “Sono pronto per il titolo”

Michelangelo Colangelo dopo Venator 6: “Sono pronto per il titolo”

Intervista al vincitore del main event di Venator 6, Michelangelo Colangelo.

Partiamo facendo un passo indietro. Dopo la vittoria con Melillo ti sei confrontato con due avversari internazionali rimediando però in entrambi i casi una sconfitta. Cosa non ha funzionato in quelle due occasioni?

Quello che posso dire è che forse ho pagato la mia inesperienza nella prima sconfitta. Mentre nella seconda invece, probabilmente, ho sbagliato proprio ad accettare il match. Non perché non fossi all’altezza, ma perché si combatteva sul ring e non in gabbia, e c’erano delle regole un po’ strane.

A Venator 6 però hai battuto Michelis, prima di tutto che significato ha avuto mettere una pietra sopra a questo periodo negativo e tornare alla vittoria?

Una vittoria è gratificante senza alcun dubbio, a me interessava rientrare in gabbia e riprovare quel mix di emozioni che mi rendono, strano a dirsi, felice. Tutto quello che si prova prima lo sa solo chi entra in gabbia.

Parlando del match invece, raccontaci la tua strategia e come hai vissuto l’incontro e il ritorno in azione dopo lo stop della pandemia.

Avevo impostato il match nella prima fase in piedi, dove mi sento più a mio agio, avevamo studiato anche alcune combo, per poi passare a terra. Bisogna dire che una volta in gabbia vuoi fare tante cose, strategie comprese, ma sì e no te ne riesce il 50%. L’esperienza aiuta e avrei potuto far un match migliore. Ho già riguardato il match e con il mio coach Agostino Derosa e Jacopo Madaro abbiamo già visto dove lavorare e come perfezionare le sbavature.

Questa è stata la tua prima vittoria ai punti in carriera, ti aspettavi un Michelis capace di spingerti fino alla fine dei 3 round?

Io non sottovaluto mai nessun avversario, questo sport è così imprevedibile, puoi dominare per 3 round e poi negli ultimi 10 secondi prendere una sventola e finire KO. Cerco comunque in tutti i match di finalizzare il mio avversario prima del limite, ma Giacomo è stato un avversario davvero ostico e colgo l’occasione ancora una volta per fargli i miei complimenti, è un lottatore dotato di una gran bella forza.

A 29 anni sei nel pieno della tua carriera agonistica, quali sono i tuoi obiettivi per il tuo futuro nelle MMA? Tra questi, considerando che è la tua seconda affermazione nella promotion, c’è la cintura welter di Venator?

Ho intenzione di ritornare presto in gabbia questo è sicuro. Combattere per un titolo sarebbe già molto per me, poi combattere per la cintura welter di Venator sarebbe un’occasione unica. In realtà non ho parlato con la promotion e non so quanto vicino sono, posso dire solamente che a me piace combattere e che se dovessero chiamarmi io sono pronto.

Seguite Fatti Marziali su FacebookTwitter e Instagram per rimanere sempre aggiornati sulle MMA made in Italy e non solo.

Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*