Masvidal commenta la prima sfida con Usman: “Non avevo lavorato sul mio tip tap”

Masvidal commenta la prima sfida con Usman: “Non avevo lavorato sul mio tip tap”

Jorge Masvidal a ridosso di UFC 261 torna a parlare della prima sfida con Kamaru Usman e a commentare l’andamento di quell’incontro.

In quella occasione a trionfare fu Kamaru Usman che amministrò la contesa per tutti e cinque i round sfruttando le sue enormi qualità fisiche e nella lotta per tenere sotto controllo Masvidal senza esporsi a particolari pericoli. Usman fu criticato fortemente in seguito a quella prestazione fatta di lotta e di una minima attività nel clinch tale da non consentire all’arbitro di dividerlo dal suo avversario. L’incontro viene spesso ricordato anche per i vari foot stomp con cui il campione colpì ripetutamente il suo sfidante.

I due si affronteranno nuovamente nel main event di UFC 261 e Jorge Masvidal è tornato a parlare di quella prima sfida con Usman nell’UFC Countdown che precede l’evento:

“La prima volta che ho combattuto con Kamaru, mi ha abbracciato più forte che poteva come se fossimo al ballo di fine anno e ha cercato di strofinare i suoi piedi con i miei, il che era imbarazzante e strano. Il combattimento non è andato come previsto perché non ho lavorato abbastanza sul mio tip tap”.

Parole piuttosto sarcastiche quelle del combattente di origine cubana che in quella occasione non riuscì a sbrogliare una matassa chiamata Kamaru Usman,

“Gamebred” accettò quell’incontro con poco preavviso e questo è proprio uno dei motivi per cui Kamaru Usman si è reso disponibile ad una rivincita. Non ci resta quindi che aspettare e vedremo se Usman adotterà una strategia diversa rispetto a quella utilizzata nella prima sfida con Masvidal e se quest’ultimo riuscirà ad impedirglielo mettendo in mostra le sue qualità migliori e ad interrompere un trend fatto di campioni dominanti.

Seguite Fatti Marziali su FacebookTwitter e Instagram per rimanere sempre aggiornati sul mondo delle MMA internazionali, italiane e non solo.

Immagine di copertina via 2020 Jeff Bottari/Zuffa

Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*