Tony Ferguson: le gomitate, i problemi psicologici e il ritorno a UFC 262

Tony Ferguson: le gomitate, i problemi psicologici e il ritorno a UFC 262

Tony Ferguson farà il suo rientro nell’ottagono questo sabato in occasione di UFC 262. Il suo percorso fino ad oggi è stato incredibile.

Tony Ferguson (25-5-0) è sicuramente uno dei fighter più spettacolari ed imprevedibili che abbiano mai messo piede nell’ottagono più seguito al mondo, i suoi movimenti poco ortodossi e il suo mento capace di resistere a qualsiasi attacco, gli hanno permesso di ottenere risultati decisamente ottimi.

Tuttavia “El Cucuy” viene da due sconfitte piuttosto pesanti che segnano, senza distruggere lo spessore dell’atleta, una carriera che per molti fan e addetti ai lavori sembra essere in discesa; le dodici vittorie ottenute in maniera consecutiva, dal 2013 al 2019, han fatto sì che il fighter californiano potesse ottenere la tanto desiderata quanto sfortunata opportunità di sfidare l’allora campione in carica: Khabib Nurmagomedov.

Sono state ben cinque le volte che i due avrebbero dovuto incontrarsi ma, gli infortuni di Khabib e di “El Cucuy“, sono stati determinanti per la non riuscita di uno degli incontri più attesi di sempre. Altro motivo, ma non di certo per ordine di importanza, il Covid-19, che ha destabilizzato l’intero pianeta e ha bloccato il fighter daghestano in Russia, senza permettergli di poter volare oltreoceano.

Tony Ferguson è un artista marziale completo e spesso imprevedibile, i colpi che sembra amare particolarmente e che lo hanno reso famoso sono sicuramente le gomitate.

A farne le spese sono stati fighter del calibro di Barboza, Dos Anjos, Cerrone e anche Anthony Pettis.

Nel Febbraio del 2019 la vita di “El Cucuy” prende una piega piuttosto brutta e fatta di ombre. Infatti la moglie, Cristina Ferguson, ha chiesto un ordine restrittivo nei confronti del coniuge a causa di alcuni comportamenti che, in seguito alle vicende, lasceranno trasparire problemi a livello psicologico e paranoico.

Tony Ferguson, come riportato dalla moglie, si svegliava di notte convinto che ci sarebbe stata da lì a breve una catastrofe fatta di inondazioni collegate con le eclissi lunari, obbligando così la famiglia ad entrare in auto con lui per poi guidare parecchi km lontano da casa, fino ad entrare nel cuore del deserto.

Cristina ha descritto nei dettagli anche episodi di paranoia vera e propria, dove Ferguson era convinto che la moglie fosse una strega oppure che casa loro fosse tappezzata da microfoni e cimici; Tony era sicuro di essere osservato ed ascoltato. Lei ha sempre ribadito, tuttavia, che il marito non le ha mai fatto del male e che la denuncia alle autorità è stata esclusivamente fatta per salvaguardare lui e la famiglia.

Ferguson sembra avere superato queste problematiche dopo essersi affidato a cure psichiatriche.

Dopo le recenti sconfitte, “El Cucuy“, ha la possibilità di ritornare ai piani alti della sua categoria contro Beneil Dariush, un combattente di assoluto spessore tecnico e con un knock-out power notevole.

Vedremo dunque se a UFC 262 Tony Ferguson sarà in grado di dare una sterzata positiva al sua viaggio all’interno della gabbia.

Seguite Fatti Marziali su FacebookTwitter e Instagram per rimanere sempre aggiornati sulle MMA made in Italy e non solo.

Immagine di copertina: www.mmafighting.com

Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*