MMA Italiane: successi per Walid e Hazan, niente da fare per Chinello (video)

MMA Italiane: successi per Walid e Hazan, niente da fare per Chinello (video)

Si è concluso un altro fine settimana ricco di impegni per le MMA italiane con i successi di Hazan e Walid e la sconfitta di Giulia Chinello.

Il primo ad entrare nell’ottagono questo week end è stato Mohammed Walid (4-0) che a Dortmund nell’evento GMC 25, organizzato dalla nota promotion tedesca, ha impiegato poco più di un minuto per vincere l’incontro che lo vedeva contrapposto al belga Trio Pham Minh (0-1) e conquistare la quarta vittoria nella sua carriera da professionista. Walid si conferma un fighter molto abile nelle fasi di lotta e a terra, infatti il suo record di quattro vittorie in altrettanti incontri è fatto tutto di successioni per sottomissioni al primo round.

Importante vittoria anche per Dylan Hazan (5-0) del Team Aurora di Borgomeo e Carfagna. Il ragazzo pugliese ha trionfato nella sfida con Simone Petricci (1-1) valevole per la cintura della storica promotion Resa dei Conti. Hazan ha vinto l’incontro in ground and pound, fondamentale che sta diventando sempre più un suo marchio di fabbrica e che gli sta regalando numerose soddisfazioni.

Il fighter pugliese ha combattuto al limite dei 70 Kg, categoria di peso ben sopra quella in cui combatte abitualmente ossia nella divisione dei pesi gallo. Una bella vittoria che gli consente di portare il suo record a cinque vittorie e nessuna sconfitta.

Sia per Hazan che per Walid che si confermano come due talenti emergenti delle MMA Italiane probabilmente è arrivato il momento di alzare il tiro.

Infine si conclude con la sconfitta in Germania di Giulia Chinello (4-4) il fine settimana delle MMA italiane. La portabandiera della Combat Academy di Simone Palazzin deve arrendersi ai punti con Khatarina Dalisda (5-1) nel corso dell’evento National Fighting Championship 3.

Seguite Fatti Marziali su FacebookTwitter e Instagram per rimanere sempre aggiornati sulle MMA made in Italy e non solo.

Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*