Vettori dopo il match: “Leg kick chiave dell’incontro. Ora voglio Costa”

Vettori dopo il match: “Leg kick chiave dell’incontro. Ora voglio Costa”

Marvin Vettori ha analizzato la sconfitta contro Adesanya e lanciato la sfida a Paulo Costa ai microfoni di BT Sport. 

Arrivano le prime dichiarazioni di Vettori poche ore dopo la sconfitta contro Israel Adesanya nella sfida valida per il titolo dei pesi medi UFC. Un confronto terminato con un punteggio di 50-45 in favore del campione in carica, che ha così mantenuto la cintura.

Ecco le parole di Vettori, che rivolge un pensiero anche a Paulo Costa.

“Penso di aver fatto tante cose buone, ho avuto successo negli scambi di boxe. I calci alle gambe sono stati il fattore chiave del combattimento” spiega Vettori. “Credo che 50-45 non sia un punteggio giusto, ma ormai è andata. Alla fine ho 27 anni, andrò avanti. Adesso torno in albergo e vado a correre per cinque miglia. Non ho nemmeno fatto una doccia calda perché non penso di meritarmelo. Ecco quanto sono pazzo. Tornerò a lavorare duro e mi preparerò per il prossimo match”.

Il fighter italiano esprime un giudizio su Adesanya: “A terra è molto bravo a portare la sfida nella sua zona di comfort, e dal punto di vista offensivo in quel frangente non è niente di che, ma si difende bene. Ho tutte le carte in regola per batterlo, ma non l’ho fatto. Avevo detto che una volta entrato lì dentro non avrei lasciato dubbi sulle mie capacità, ma anche se avessi vinto questa notte li avrei sollevati comunque. Non ho fatto abbastanza”.

Vettori svela anche un retroscena, lo scambio di battute con Adesanya al termine dell’incontro: “Subito dopo il match gli ho detto che avevo vinto, e lui mi ha risposto che non era così. Non ci piacciamo a vicenda, ma lo rispetto. Abbiamo condiviso l’ottagono per otto round (sommando il primo e il secondo match tra i due, nda), per 40 minuti totali. Bisogna fargli i complimenti”.

Marvin chiude pensando al futuro: “Mi piacerebbe davvero distruggere quell’ubriacone di Borracinha (Paulo Costa, nda), che non riesce a smettere di bere. Ma vanno bene tutti, io ci sono sempre, basta che mi diano una data e un nome. In ogni caso tornerò, e un giorno sarò campione”.

Seguite Fatti Marziali su FacebookTwitter e Instagram per rimanere sempre aggiornati sulle MMA made in Italy e non solo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*