Nick Diaz avrebbe cambiato le MMA secondo Joe Rogan

Nick Diaz avrebbe cambiato le MMA secondo Joe Rogan

Secondo il noto giornalista Joe Rogan, Nick Diaz avrebbe portato qualcosa di nuovo nelle MMA cambiando il modo di interpretare questo sport.

Diaz affronterà Robbie Lawler a UFC 266 in una rivincita dopo ben diciassette anni dalla loro prima sfida e nonostante sia passato tutto questo tempo e Diaz abbia combattuto soltanto quattro volte dal 2011 a oggi in UFC rimane uno dei combattenti più famosi e apprezzati al mondo.

Joe Rogan ha recentemente dichiarato a MMA Junkie quello che secondo lui Nick e Nate Diaz avrebbero portato al mondo delle MMA dando una fondamentale importanza al cardio e alla continuità di azione dentro l’ottagono. Queste le sue parole:

“Nick Diaz ha cambiato il gioco in termini di cardio. Ha fatto qualcosa che era una cosa nuova e quella cosa nuova era non colpire con il cento per cento di potenza, ma colpire con il 50 percento. Ma colpire il doppio e non far respirare l’avversario standogli addosso e ti parlerà per tutto il tempo. Psicologicamente interromperà il tuo respiro colpendoti costantemente e una volta che si renderà conto che il suo avversario è in difficoltà cercherà di finirlo. Oltre a ciò Nick Diaz ha abilità nel jiu-jitsu da cintura nera, un’ottima difesa dal wrestling, un mento fatto di ferro e una volontà inarrestabile. Quei ragazzi (i fratelli Diaz) fanno molti triathlon. Questo è uno dei motivi per cui sono così resistenti. Ecco perché sono sempre in forma smagliante. Non si stancano come si stancano tutti gli altri. Hanno una resistenza incredibile”.

Seguite Fatti Marziali su FacebookTwitter e Instagram per rimanere sempre aggiornati sulle MMA made in Italy e non solo.

Fonte immagine di copertina via ufc.com

Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*