Silvia La Notte: “Non vedo l’ora di tornare sul ring”

Silvia La Notte: “Non vedo l’ora di tornare sul ring”

Intervista a Silvia La Notte in vista del match del prossimo 16 ottobre contro la spagnola Luisa Burgos 

Silvia “Little Devil” La Notte è una delle pioniere del fighting femminile in Italia. Si tratta di un artista marziale a 360 gradi; infatti, La Notte ha iniziato a praticare kickboxing nel 1998, all’ età di 16 anni. Successivamente è approdata nel mondo della savate, disciplina in cui ha acquisito esperienza internazionale conquistando, nel 2003, il titolo mondiale. Dopo la boxe francese, “Little Devil” ha iniziato a calcare il ring del pugilato dilettantistico; in quest’ultima disciplina affina nuove tecniche e conquista il titolo nazionale.

Nel 2008 la sua carriera ha una svolta: arriva la chiamata per combattere a Tokyo nella prima edizione del World Queen Tournament di K1. Quindi, con due anni di esperienza pugilistica alle spalle, La Notte torna a calcare il ring nella kickboxing. Nonostante la difficile transizione tra le due discipline, l’atleta milanese si è fatta trovare pronta e conquista il primo posto del torneo. Dopo la grande vittoria in terra nipponica, La Notte si riafferma nella savate e, successivamente, approda anche nel mondo della thai boxe, combattendo in circuiti importanti come Muay Thai Yokkao Extreme.

Nel corso dei 23 anni di attività nel mondo degli sport da combattimento, l’atleta milanese ha conquistato, in più di 100 match da professionista, 11 titoli mondiali e 3 titoli europei.

Dopo due anni lontana dal ring, “Little Devil”, il prossimo 16 ottobre, tornerà a calcare il quadrato, in quel di Madrid, in un match di K1 contro la spagnola Luisa Burgos.

L’incontro sarà visibile in pay per view (prezzo di 18,95€) dal seguente link: https://maslppv.com/mle-16-oct/

L’abbiamo raggiunta per conoscere le sue aspettative sui prossimi impegni.

Sei una campionessa che ci ha abituati a centinaia di match duri. Dopo lo stop forzato dovuto dalla pandemia, quali saranno i tuoi prossimi incontri?

Buongiorno e grazie per questa intervista. Combatterò a Madrid il 16 ottobre in un match di K1 al limite dei 50 kg, sulla distanza delle 3 riprese da 3 minuti. La mia avversaria sarà la Spagnola Luisa Burgos. Dopo l’impegno del 16, mi batterò, il 26 febbraio 2022, per il titolo della promotion contro la spagnola Sheila Garcia. Inoltre, molto probabilmente, combatterò nuovamente a novembre 2021, la location sarà Italia o Turchia.

Locandina del match tra Silvia La Notte e Sheila Garcia per il titolo “Masl Fight”

Che tipo di incontro ti aspetti contro Luisa Burgos?

Premetto che finalmente ritorno sul ring dopo due anni di stop dovuto al Covid. Non vedo l’ora e farlo all’estero mi gasa ancora di più. Adoro combattere in Italia, ma farlo al di fuori è diverso. Mi piace vivere la trasferta e fare mio il pubblico del luogo in cui vado a combattere. Non è una cosa facile, ma sono sempre riuscita a farmi tifare e supportare ovunque.

Combatterò con le regole del K1, la mia disciplina preferita ed in cui mi esprimo meglio. La mia avversaria è un’atleta molto valida ed è di casa; quindi, si farà sicuramente trovare pronta al match. Io, però, lo sarò di più! Come sempre, voglio dare il meglio ed esibirmi al massimo del mio potenziale. Sono veramente carica, mi sono sempre allenata in questi due anni di stop. Ho dovuto svolgere gli allenamenti da sola, anche perché la palestra per la quale combatto ha avuto dei problemi legati al Covid. Però, senza avere nessun obiettivo fissato è stata dura e sono andata giù di testa. Adesso ho la data da più di un mese, sono tornata quella di sempre, concentratissima!

Per di più, in questi due anni abbiamo cambiato la sede della palestra, solo recentemente abbiamo iniziato ad allenarci tutti insieme. Non è stato semplice, ma sono riuscita a mantenere continue le mie sessioni con Nico Colaianni, ciò anche grazie al validissimo aiuto e supporto ricevuto dalla palestra per la quale lavoro, la Montenero Boxing club.

Quali sono le caratteristiche principali del tuo stile di combattimento?

Velocità, spostamenti, varietà di colpi ed esplosività. Sono riuscita a ripristinarli con sedute intense di pao e ripetute ai sacchi. A riguardo, un ringraziamento speciale va a Marco Nacci, uno dei miei primi maestri in questo sport. Lui mi ha veramente sostenuto durante questo periodaccio di pandemia, nel momento più difficile ho potuto usare il suo studio per allenarmi e lavorare.

Sei un’atleta con esperienza in più discipline, quali caratteristiche ti aiutano nella transizione tra uno sport e l’altro?

Ho sempre adottato le caratteristiche della Savate nelle altre discipline. Questo è stato molto apprezzato dal pubblico, meno dalle mie avversarie!

Mi alleno sempre al top, con preparazioni atletiche mirate e sparring adeguati nel team Profighting Milano, sotto la supervisione dei coach Giorgio Castoldi, Christian Brenna e Pasquale Bertucci.

Sei una pioniera degli sport da combattimento femminili in Italia. Come vedi evoluto questo mondo rispetto a quando hai iniziato e come credi possa migliorare?

La situazione si è evoluta finalmente. Ci sono molte più atlete giovani, brave, forti e tecniche che girano il mondo e si allenano duramente. Ne sono contenta, spesso vado nelle palestre per fare sparring e mi alleno con tante ragazze. Sono felice di vedere che sono sempre pronte, ed io faccio il tifo per loro quando combattono. A riguardo, voglio ringraziare per il supporto ricevuto durante la pandemia: LudusMagnum, La Dama Kombat di Genova, il Team Lanzilao e Dreambealivefight.

Peccato, però, che l’Italia sia sempre molto indietro rispetto ad altri paesi; ma, comunque qualche passo in avanti è stato fatto.

Quale incontro ricordi con maggior piacere e perché?

Il mio cuore batte sempre per la finale del primo torneo di Tokyo. Mi ha dato uno slancio fondamentale sul ring. Sono stata la prima italiana a vincere in Giappone, da lì feci follie sui ring di tutto il mondo. In particolare, mi manca combattere in Australia ed America.

Seguite Fatti Marziali su FacebookTwitter e Instagram per rimanere sempre aggiornati sulle MMA made in Italy e non solo.

Fonte immagine di copertina: profilo Facebook Silvia La Notte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*